READY-TO-WEAR

FROM THE STREET TO THE FAME

La moda Ready-To-Wear si diffonde negli anni ’40 negli USA, con lo scoppio della II Guerra Mondiale. È un momento storico particolare che richiede la produzione in massa di divise militari per i marines americani, partiti per combattere oltreoceano. Questa richiesta di abiti su larga scala ha fatto si che le industrie tessili americane incominciassero a produrre abbigliamento in taglie standard, che potessero vestire in modo confortevole qualsiasi tipo di fisicità.

Let's make
READY
TO WEAR great again

Dalla II Guerra Mondiale in poi il Ready-To-Wear diventa la modalità di produzione più gettonata a livello globale. Questo innovativo metodo di produzione rivoluziona l’intero fashion-system, conquistando la leadership del mercato, che fino ad allora era stato dominato dalla moda d’élite, detta Haute Couture. L’industria della moda confezionata in serie diventa quindi un fenomeno in grado di influenzare il mercato internazionale. Nato per soddisfare una richiesta sempre più crescente della fascia media dei consumatori, il Ready-To-Wear è diventato il modello commerciale su cui oggi si basa il mondo della moda.

Le collezioni Ready-To-Wear oggi sfilano sulle passerelle due volte l’anno all’interno di eventi chiamati Fashion Week. Le settimane della moda per eccellenza sono quelle di Parigi, Milano, Londra e New York. Il fenomeno delle Fashion Week è in continua espansione. 

In passato il Ready-To-Wear racchiudeva collezioni ispirate alle creazioni più esclusive, rivisitandole e semplificandole attraverso l’impiego di materiali più economici e il ricorso a tecniche di rifinitura e cucitura proprie della confezione in serie. Oggi i capi Ready-To-Wear che sfilano in passerella (e che vediamo sulle pagine delle più grandi testate giornalistiche di settore) sono diventati la principale ispirazione del mondo del fashion.

T-SHIRT MODELLO UNISEX

TAGLIA UNICA

100% COTONE